Gianni Antonio Palumbo

         
Alfiere del Lavoro, ha conseguito il Dottorato di ricerca in Italianistica presso l’Università di Messina ed è stato assegnista presso l’Università di Bari. Docente di materie letterarie, è autore di contributi scientifici su autori e tematiche dell’Umanesimo-Rinascimento e della monografia Vestali in un mondo senza sogni. Trent’anni della Vallisa (SECOP, 2011). È redattore della rivista letteraria La Vallisa e delle testate Quindici e Luce e vita; ha scritto articoli e recensioni anche per i periodici Incroci, Beni Culturali e Narrazioni. Suoi racconti sono stati accolti dalle riviste La luna di traverso, Le passioni di sinistra e L’informazione di Parma. È autore dei romanzi I fantasmi di un poeta (La Meridiana, 1998); Krankreich. Tramonto di un sogno (Palomar, 2000), insignito del XIX Premio Nazionale “Valle dei Trulli” per la “letteratura giovanile”; Eternità. La leggenda di Destino e Sospensione (Palomar, 2003). Ha pubblicato la silloge poetica Non alla luna, non al vento di marzo (Schena, 2006) ed è artefice di numerose pièces teatrali, tra le quali la storia molfettese Lena (“La Vallisa”, 90) e i musical La lampara (sulla vita di don Tonino Bello, coautore A.M. Pappagallo), Fabian von Altenberg, Chiquitita o del Destino, Il treno e La mala Pasquetta. L’atto unico Il diavolo a cavallo ha vinto la sezione drammaturgica della XII edizione del “Premio Teatro Osservatorio”.
 
 
 
 
   
giannipalumbo78@virgilio.it
 
     
       

 

Precedente

Successivo